“Dimmi, e io dimentico; mostrami, e io ricordo; fammi fare, e io imparo” – sosteneva Confucio – perché è solo facendo che si impara davvero una professione.

Lo sanno bene gli americani che da tempo adottano un approccio basato principalmente sul pragmatismo anche nelle università.

Infatti, secondo il metodo didattico del learning by doing, l’esperienza svolge un ruolo fondamentale nell’apprendimento aumentando la consapevolezza e la memorizzazione dei concetti studiati. Ecco perché la formazione scolastica e universitaria dovrebbe integrare metodologie didattiche focalizzate su lezioni frontali in aula, presentazioni di casi studio, esercitazioni pratiche, simulazioni che riproducono eventi reali, progetti di lavoro da svolgere individualmente o in gruppo e formazione on the job al fianco di esperti del settore.

In tal senso Digital Coach, una scuola specializzata che offre corsi, master e certificazioni corredate da vere e proprie esperienze sul campo al fianco di esperti del digital knowledge promuove in prima linea l’operatività, il saper fare e il mettere in pratica quanto si studia per arrivare preparati al mondo del lavoro. La differenza dei percorsi offerti da tale scuola è data proprio dal pragmatismo e dall’operatività adottata durante le lezioni con esercitazioni e attività guidate da svolgere insieme al trainer, ma anche nelle work experience.

Testato su milioni di studenti americani il metodo del learning by doing funziona perché offre un’esperienza concreta, diversa dal solito sistema didattico a cui siamo abituati in Italia. I vantaggi di questo metodo sono tanti e influenzano direttamente la sfera individuale. Grazie all’approccio pragmatico che implica l’assegnazione di progetti da svolgere in gruppo, gli studenti vengono favoriti nello sviluppo di un pensiero critico e di capacità quali il problem solving, il public speaking, la leadership e il lavoro in team. Combinando il learning al doing, viene concessa loro l’opportunità di mettersi alla prova scoprendo il proprio talento e imparando tutti i trucchi legati al mestiere.

Gli istituti, come Digital Coach, che adottano tali sistemi sono anche delle vere e proprie community. Infatti, un’altra virtù insieme al learning by doing e alle work experience, sono il networking e lo scambio di competenze che stimolano al contempo le relazioni interpersonali.

E per apprendere il digitale, riteniamo che questi approcci siano i migliori per consentire agli studenti di raggiungere il migliore profitto.

 

PROPOSTO DA: DIGITAL COACH